Preparare il Ferrofluido

la danza dei ferrofluidi
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Fluido fatto in casa
Un semplice ferrofluido può essere realizzato con piccole particelle magnetiche immerse in olio minerale, vegetale o per motori (sae 10 o altri a bassa viscosità). La limatura di ferro non funziona bene, risulta troppo grande. Buone fonti di particelle magnetiche sono:
toner di stampanti laser magnetiche
polvere magnetica di controllo in negozi per saldature
particelle ricavate da lane d'acciaio bruciate (dopo averle passate al mortaio e al pestello)
particelle ricavate raschiando la superficie della pellicola VHS o in alternativa bruciandola, separandone i residui con la calamita.
le particelle "estratte" dalla sabbia con un sacchetto di plastica e un magnete (vedere link esterni)
inchiostro magnetico usato per stampare checks
Un rapporto 1:1 tra l'olio e la polvere magnetica sembra funzionare al meglio.
In ogni caso questi fluidi sono molto instabili. Le particelle tenderanno a raggrupparsi e le proprietà del fluido verranno perse velocemente.
I fluidi creati per scopi professionali contengono emulsionanti per mantenere in sospensione in acqua particelle magnetiche oleose (ottano o cherosene) molto piccole. Le particelle sono molto sottili; meno di un micrometro di diametro.
I ferrofluidi macchiano e sono praticamente impossibili da pulire, quindi è necessario prestare attenzione quando vengono mescolati o usati.