Biochar

pirolisi   
 Lucia stove
soluzione possibile per un'agricoltura sostenibile? considerato ufficialmente come mitigatore dei cambiamenti climatici, ora al via una strategia per la diffusione e l'utilizzo del prezioso carbone agricol0 Il Carbon Negative. Dopo il Carbon Neutral ecco la Prossima Rivoluzione Verde: Se il Carbonio Diventa Negativo. Dal Metodo di Frederich Hauge alla Sottrazione della CO2 Tramite il Biochar.
Innanzitutto il biochar o chiamato anche carbone agricolo è un importante componente e materia prima per creare la erra preta ed è costituito da una grana fine costituita prevalentemente di terriccio ad alto contenuto di carbonio organico e in gran parte resistente alla decomposizione
Il biochar si produce naturalmente grazie a processi chimici come la pirolisi di rifiuti vegetali e diverse materie prime comunque organiche (La pirolisiè la scomposizione chimica di materiale organico per mezzo del calore in assenza di ossigeno.
Questo processo crea gas (chiamati syngas), catramine e ceneri. Il risultato è una combinazione di carbone, condensato di bio-oli, catrame e cenere).
Il carbone agricolo o biochar è un importantissimo strato del suolo che assorbe CO2, fissandolo e immagazzinandolo nel suolo sotto forma di diverse componenti chimiche.
La maggiore capacità di ritenzione di sostanze nutritive di fanno del biochar una componente fondamentale in natura non solo riducendo il fabbisogno totale di fertilizzante, ma anche aiutando il clima e l’impatto ambientale dei coltivazioni oltre al fatto che i suoli con buona concentrazione di biochar hanno dimostrato di ridurre dal 50 – 80% le emissioni di protossido di azoto e di ridurre il deflusso di fosforo nelle acque superficiali e la lisciviazione di azoto nelle acque sotterranee.
Il biochar in definitiva aumenta significativamente l'efficienza del suolo e riduce la necessità di fertilizzanti chimici tradizionali, mentre migliora notevolmente la resa delle colture. Il biochar per questo offre quindi una promessa di produttività del suolo e dei benefici del clima.
Biochar Benefici Indiscutibili
Riportiamo qui le caratteristiche fondamentali di questo componente per affrontarne direttamente le implicazioni in natura e nelle coltivazioni:
Stimolazione della crescita delle piante.
Riduzione delle emissioni di metano
Riduzione emissioni protossido di azoto (circa 50%).
Riduzione dell'utilizzo di fertilizzanti (circa 10%).
Riduzione dilavamento nutrienti.
Sequestro del carbonio in un deposito sotterraneo stabile e a lungo termine.
Abbassamento dell'acidità del suolo.
Riduzione dell'inquinamento da alluminio.
Innalzamento del numero e qualità degli aggregati nel suolo grazie all'aumento delle ife fungali.
Miglioramento della capacità di ritenzione idrica del terreno.
Aumento di Ca, Mg, P e K disponibili nel terreno.
Aumento della respirazione microbica del terreno.
Aumento della massa microbica.
Stimolazione dell'azione di fissaggio dell'azoto da parte dei legumi
Maggior estensione delle micorrize.
Maggiore capacità di scambio di cationi. biochar potrebbe aiutare anche la conservazione delle foreste tropicali.La conservazione delle foreste pluviali tropicali e di altri ecosistemi che creano biodiversità soprattutto nelle aree dei è un enorme sfida.
Dichiarare che la regione diventi una zona di conservazione naturale senza togliere le pressioni che minacciano l'integrità della zona, non funziona. Le esigenze sociali ed economiche delle popolazioni locali devono essere prese in considerazione, è per questo che molti progetti di conservazione spesso non riescono.
Aumentare la fertilità dei suoli poveri nelle zone tropicali, potrebbe quindi contribuire a risolvere questo particolare problema.