generatore di energia radiante.

Thomas Henry Moray, come Nikola Tesla, credevano che l'energia pu essere presa direttamente dalla deformazione gravitazionale che ogni corpo era compresa applica allo spazio circostante, e credevano che era libero di essere sfruttato con la giusta attrezzatura.
Il problema che questa energia si trova in uno stato di equilibri da cui non si riesce a percepirla.
Per trenta-quattro anni, dal 1909 al 1943, il Dr. Moray, un ingegnere e inventore del settore elettrico, ha lavorato sullo sviluppo di ci che egli chiama "energia radiante".
L'intero apparato stato racchiuso in un piccolo riquadro inferiore a tre metri quadrati.
Un filo portato dalla scatola di una antenna e un altro stato semplicemente un filo di terra.
Moray utilizzato uno speciale trasformatore ad alta frequenza per controllare la tensione in modo che ogni livello di potenza potrebbe essere ottenuto.
Secondo il Dr. Moray l'invenzione lavorerebbe in modo simile a una radio che riceve le onde elettromagnetiche, ma in modo da violare il principio di azione e reazione, traendo in questo modo l'energia necessaria al funzionamento.
Lavorare con correnti ad alta frequenza difficile, perché sono particolarmente difficili da isolare, ma questo problema stato evitato grazie al oscillatore tubi, che ha ridotto la frequenza di uscita sul lato rettificando alcune parti dell'onda.
Il Dr. Moray ha dimostrato molte volte la sua invenzione, in presenza di centinaia di persone affidabili, molti dei quali sono stati fisici e ingegneri elettrici.
Tesla ha detto, " questa energia cinetica o statica? Se statica, le nostre speranze sono vane; se cinetica, e sappiamo che per certo cosi, una semplice questione di tempo, quando gli uomini riusciranno a collegare le loro macchine direttamente all'energia della natura.
Ti Dr. Moray Tesla realizzare il sogno di Utah nel deserto?
Gli scienziati e gli studiosi hanno spesso visitato il laboratorio Dr. Moray a Salt Lake City, Utah. Il 29 ottobre 1926, l'inventore Mormone deciso di dimostrare il suo dispositivo di energia radiante per un piccolo gruppo di potenziali investitori.
Dr. Moray tenne il suo dispositivo collegato alla macchina.
Al fine di rendere la prova completamente legittima, gli uomini percorsero 52 miglia allontanandosi dalla pi vicina linea elettrica e 26 miglia dalla pi vicina filo-rurale linea telefonica.
Il testimone oculare E.C. Johnson ha testimoniato che il Dr. Moray ha rimosso il generatore d'energia dalla sua automobile e l'ha collegato appoggiato su di un cuscino per precauzione contro le scariche elettrostatiche.
Johnson continua con le osservazioni:
Dopo avere sintonizzato l'antenna apparsa una luce nella valvola-tubo del dispositivo, ma come l'antenna stata disconnessa questa luce scomparsa per poi riapparire di nuovo appena l'antenna stata ricollegata.
Un'altra testimonianza, datata 21 febbraio 1927, sembra scritta dal allora Segretario di Stato di Utah, Nilton H. Welling, ed molto convincente.
Ha scritto, "Ho assistito a una prima dimostrazione di questo dispositivo, tre mesi fa. L'involucro contenente la macchina stato semplificato e migliorato.
E 'stato abbastanza chiaro e non era possibile falsificare la potenza prodotta.
 La messa a punto del dispositivo stata migliorata e il tempo richiesto a antenna e ricevitore sul campo energetico stato ridotto da cinque minuti a meno di un minuto.
L'operazione stata semplice come 'in sintonia' su di una normale radio.
Ci stato dimostrato da una signora che stava assistendo alla manifestazione per la prima volta, infatti riuscita a sintonizzare la macchina e a farla funzionare facilmente come Dr. Moray stesso, dopo che aveva visto fare l'operazione a lui.
Il primo utilizzo di tutta l'energia prodotta in questa nuova dimostrazione stato accendere le luci per illuminare la stanza.
Come stato premuto l'interruttore si sono accese 30 lampadine da 50 Watt e  5 lampadine da 100 Watt ed stato alimentato un ferro da stiro.
Le luci e il ferro che sono stati alimentati insieme e consumano pi di quattro cavalli di potenza di energia elettrica. Lo splendore della luce evidenzia che l'energia impiegata era molto di pi che la tensione necessaria per queste luci

Dr. Moray, una volta descrisse il funzionamento del suo dispositivo come segue:
Le oscillazioni delle onde radio avvengono nella prima parte del circuito e questo viene sincronizzato con la seconda parte del dispositivo che quella di potenza, questo avviene inducendo una differenza di potenziale tra due punti.
La sincronizzazione e le velocit di propagazione sono fondamentali in questo dispositivo.
La risonanza armonica incrementa e amplifica le oscillazioni e tramite la valvola e l'antenna si previene il ritorno della reazione sul circuito di partenza
Thomas Henry Moray nato e cresciuto a Salt Lake City dove si laureato da al Santa Business College. Ha completato un corso di Ingegneria Elettrica. Egli ha poi guadagnato la sua EE laurea presso l'Universit di Uppsala.
Nella sua carriera professionale, il Dott. Moray terrà le seguenti posizioni: Ingegnere elettrico e Designer Utah con il Power & Light Co., stato Assistente Direttore di macchina con la Arastard Engineering & Construction Co. e divisione Ingegnere elettrico con Mountain membri Telegraph & Telephone Co (4).

Le dimostrazioni pubbliche di Moray hanno portato al diffuso interesse da parte di estranei, ma in ultima analisi, ha causato tutte le molestie di cui fu vittima.
Nel 1940, il Dr. Moray fu ucciso nel suo laboratorio ed stato ripetutamente minacciato fino a quando si ha fermato la sua attività di ricerca a tre anni di distanza.
tentativi di interesse il governo degli Stati Uniti nel suo progetto di finanziamento durante il 1950 e 60 fallito, principalmente a causa della sua insistenza sulla completa segretezza fino a quando si era in fase sperimentale.
Dal momento che la morte del Dr. Moray, l'Istituto di Ricerca Cosray trova a Salt Lake City, Utah, ha provate a raccogliere le sue carte sull'energia radiante, al fine di riprodurre l'originale dispositivo.
L'obiettivo principale della ricerca di Cosray di sviluppare un pratico sistema di energia radiante e una teoria per spiegare il suo funzionamento.
Il Dr. Moray nel suo libro del 1930, "Mare di Energia" disponibile presso l'Istituto di ricerca Cosray.
Questo non credere nel moto perpetuo, "il Dr. Moray ha fatto pensare, tuttavia, che la fornitura di energia radiante ampia per tutti gli uomini e il potere ha bisogno di tempo indeterminato.
La storia del lavoro svolto con la conversione di energia radiante sembra essere stata soppressa. T.H. Moray ha costruito un dispositivo in grado di produrre molti watt di energia, che, se ricostruita, potrebbe essere in grado di rispondere alle esigenze del mondo.

Nel 1920, Thomas Henry Moray ha dimostrato al pubblico il "dispositivo ad energia radiante", nel suo dispositivo c'erano una valvola costituita da una grande antenna collegata ad una complessa serie di condensatori ad alta tensione, trasformatori, e semiconduttori.
Moray diceva che serviva a stimolare le attuali oscillazioni di energia radiante dallo spazio, e cosi facendo il dispositivo ha funzionato per molti giorni producendo 50 kW di potenza.
Le dimostrazioni hanno attratto giornali e scienziati provenienti dai Laboratori Bell e dal Dipartimento dell'Agricoltura, ma nessuno poteva attestare il modo in cui il dispositivo operava effettivamente, ma non sono stati trovati elementi di prova.
Il dispositivo è stato distrutto da un suo assistente, che era adirato con Moray perchè non volveva vendere il suo dispositivo alle aziende con interessi corporativi.
Moray era un seguace di Nikola Tesla - da giovane ha molto ammirato Tesla - e, in particolare, era molto interessato all'ossessione che tesla aveva per l'energia radiante.

Come Tesla - Moray ha voluto scoprire come sfruttare questa energia.
Come un sacco di gente si stupito del funzionamento della radio a galena, dove un cristallo pu essere sfruttato con un filo sottile per fare funzionare una radio senza alcuna batteria o alimentazione.
Quindi ha deciso di cercare altre pietre che gli permettessero di sfruttare meglio queste energia delle onde elettromagnetiche, nel suo caso scopr come rettificare le correnti alternate, realizzando i primi diodi moderni.
Questo testimoniato dal fatto che le sue valvole non avevano una bobina che emetteva elettroni in seguito al suo riscaldamento, i compontenti erano tutti freddi e la sola cosa che c'era erano onde elettromagnetiche