Teoria del complotto sulle scie chimiche


vedi anche: raggio della morte
La teoria del complotto sulle scie chimiche (inglese: chemtrails) sostiene che alcune scie visibili nell'atmosfera terrestre siano agenti biologici o chimici spruzzati ad alte altitudini per motivi sconosciuti all'opinione pubblica. Vi sono numerose versioni della teoria che propongono diverse spiegazioni e motivazioni.
Tale teoria del complotto non ha mai trovato alcun credito nell'ambito della comunit scientifica, in quanto risulta priva di riscontri oggettivi; le scie che i sostenitori della teoria identificano come "scie chimiche" sono normali scie di condensazione (inglese: contrails), che in determinate condizioni atmosferiche assumono un aspetto inconsueto
Il diffondersi di questa teoria complottista nel mondo attraverso i mass media e in particolare Internet ha fatto s che diversi enti governativi abbiano ricevuto migliaia di lamentele da persone che chiedevano spiegazioni in merito a queste presunte scie chimiche. Gli stessi enti governativi e scienziati hanno ripetutamente negato l'esistenza delle scie chimiche
L'aeronautica militare degli Stati Uniti ha affermato che la teoria una bufala riconosciuta come tale da molte universit e organizzazioni scientifiche e dai maggiori mezzi di comunicazione.
Il Department for Environment, Food and Rural Affairs britannico ha sottolineato che le "scie chimiche" non sono un fenomeno riconosciuto dalla scienza.
Il Government House Leader canadese ha affermato che "scie chimiche" solo un'espressione popolare e che non esiste alcuna prova che supporti la loro esistenza.
 Analoghe risposte sono state date dai diversi governi italiani alle relative interrogazioni parlamentari oltre che da piloti ed esperti meteo Riviste e programmi di divulgazione scientifica hanno definito la teoria una bufala.
Il supposto rilascio di scie chimiche non deve essere confuso con la tecnica detta cloud seeding (inseminazione delle nubi), che consiste nello spargere ioduro d'argento sulle nubi per stimolare le precipitazioni piovose.
Origine della teoria e ipotesi sulle caratteristiche delle presunte scie chimiche
La teoria del complotto delle scie chimiche cominci a diffondersi nel 1996 quando l'aeronautica militare statunitense fu accusata di "irrorare" le popolazioni con misteriose sostanze generando delle scie inusuali
L'Air Force rispose che questa accusa era una bufala alimentata in parte dalle citazioni di un testo redatto nell'istituto universitario dell'Air Force intitolato Weather as a Force Multiplier: Owning the Weather in 2025
Quel documento fu presentato in risposta alla richiesta dei militari di delineare le future strategie di modifiche del sistema climatico al fine di mantenere il predominio USA nell'anno2025 e questo come fittizia rappresentazione di future situazioni e scenari
 In seguito l'Air Force chiarò che tale documento non rifletteva le attuali politiche e pratiche militari e che non in corso alcun esperimento di modifica del clima n nei programmi futuri dell'Air Force
Stessa datazione (seconda metà degli anni novanta) data anche da altre fonti.
Dalla seconda met degli anni novanta, la teoria del complotto delle scie chimiche trova subito eco mediatica su programmi televisivi, radiofonici e su pubblicazioni riguardanti il cospirazionismo, arrivando anche in numerose interrogazioni parlamentari in diversi paesi, come l'Italia.
I sostenitori di queste teorie sottolineano generalmente che esse apparirebbero diverse dalle normali scie di condensazione, delle quali non avrebbero la consistenza e le propriet note.
In particolare, le scie chimiche tenderebbero a persistere pi a lungo, allargandosi pian piano invece di scomparire.
Generalmente ritengono che siano formate da sostanze chimiche (anche di tipo biologico) rilasciate su aree popolate per qualche motivo complottistico.
La motivazione pi di frequente ipotizzata il tentativo di modificazioni climatiche.
Altre motivazioni ipotizzate chiamano in causa esperimenti governativi o militari,attacchi terroristici, operazioni di corporazioni private, tentativi di condizionamento psicologico tramite agenti psicoattivi o addirittura il tentativo di frenare l'esplosione demografica mondiale, eliminando quattro miliardi di persone.
In un articolo dal titolo "The Chemtrail smoking gun" di Bruce Conway, si suggerisce che le scie chimiche siano l'implementazione di una strategia suggerita del 1992 dalla National Academy of Science, nello studio "Policy Implications of Greenhouse Warming"; in particolare, riguarderebbero un progetto segreto per mitigare il riscaldamento globale
Secondo Jeff Rense, che con Art Bell conduce un programma radiofonico sui misteri, "le scie chimiche inizialmente sembrano normali scie, ma sono pi spesse e si estendono per il cielo in forma di X o #. Invece di dissiparsi rapidamente, si allargano e si diramano. In meno di 30 minuti si aprono in formazioni che si uniscono tra loro formando un sottile velo di finte nuvole simili a cirri che rimangono per ore."
Molti sostenitori delle scie chimiche non sono economicamente in grado di condurre analisi sulle scie nel momento dell'emissione in volo; tuttavia un sostenitore di tale teoria cospirazionista, lo statunitense Clifford Carnicom, sostiene di aver analizzato campioni di aria raccolti al livello del suolo in seguito ad operazioni di rilascio di scie chimiche.
Ha affermato di aver trovato alluminio e bario in queste polveri, che sarebbero state ottenute tramite precipitazione elettrostatica. Queste affermazioni non hanno avuto alcun riscontro, in quanto Carnicom non ha mai messo a disposizione di istituzioni terze i campioni,  ha esposto i metodi con cui avrebbe svolto le prove.
Il termine "scie chimiche" menzionato anche nello Space Preservation Act del 2001, presentato dal rappresentante del Congresso Dennis Kucinich, dove compare in una lista di "sistemi d'arma esotici" da bandire.
I sostenitori della teoria presentano questa lista come un riconoscimento ufficiale della possibilità di un tale sistema d'arma, in quanto il termine effettivamente presente in questo documento ufficiale del Congresso statunitense; il termine "scie chimiche" era presente in un paragrafo che elencava una serie di armi inesistenti o dai nomi improbabili (ad esempio: "armi ultrasoniche", "armi extraterrestri"), paragrafo poi tolto da una successiva versione del 2003. In entrambi i casi la legge non fu approvata
Il presunto fenomeno in Italia
La teoria del complotto delle scie chimiche in Italia viene diffusa con blog, siti web, video su YouTube e conferenze Tra i pi attivi sostenitori della teoria: Rosario Marcian, diplomato geometra; il fratello Antonio Marcian, laureato in lettere e docente di latino in un liceo scientifico; Corrado Penna, laureato in fisica insegnante in una scuola superiore, autore dello scritto La scienza marcia in cui denuncia le falsit della "cultura ufficiale", la non infettività dell'AIDS, il complotto psichiatrico e altre tematiche di ambiente cospirazionista; Giorgio Pattera, biologo e giornalista, attivo nel campo della ricercaufologica
La posizione dei sostenitori italiani non molto dissimile da quelli di altri sostenitori nel mondo; essi ritengono che:
le scie di condensazione si formino solo a temperature inferiori a -40, a 8000 metri di quota e con umidit relativa del 70%
lo Space Preservation Act sia esplicitante l'esistenza del fenomeno; l'HAARP sia strumento di attuazione del piano; ad essere "irrorato" sarebbe un miscuglio di bario, alluminio, silicio e altre sostanze, lo scopo sarebbe quello di creare una sorta di "sandwich" elettroconduttivo[ anche con finalit di controllo mentale
i servizi segreti, attraverso debunker (come Paolo Attivissimo), il CICAP e altri soggetti starebbero tentando di screditarne il lavoro con presunte minacce e azioni di sabotaggi. A capo dell'organizzazione ci sarebbero lo SMOM e il Vaticano in collaborazione con la CIA, la NASA, Google, l'INPS e altro ancora.
Caratteristiche delle scie di condensazione
Scie di condensanzione di una formazione di B-17F Flying Fortresssui cieli della Germania, 1943 circa
Le scie che i sostenitori della teoria aggettivano come chimiche sono scie di condensazione cio strisce nuvolose inizialmente sottili che, successivamente, si allargano formando ampi nastri che si sfioccano lateralmente.
Sono generate dal passaggio di aeromobili, e sono costituite da prodotti di condensazione e successiva solidificazione del vapore acqueo. Vengono suddivise in:
scie di gas di scarico: sono dovute al rapido raffreddamento dei gas di scappamento dei motori, i quali immettono nell'atmosfera, gi molto umida, una quantit di vapore acqueo e nuclei di condensazione sufficienti a provocare il fenomeno. La temperatura dell'aria pi favorevole quella compresa fra i -25 ed i -40 gradi Celsius.
Questo tipo di scie, che sono le pi persistenti, possono formarsi anche ad umidit relative pari allo 0%, a patto che la temperatura sia sufficientemente bassa
scie di convezione: sono dovute a moti convettivi che si manifestano sulla scia dell'aeromobile quando questo vola in aria molto umida e instabile.
La temperatura dell'aria pi favorevole quella compresa fra 0 C e -25 C. Non si manifestano immediatamente dietro l'aereo, occorrendo un certo intervallo di tempo prima che l'aria calda immessa nell'atmosfera si porti al livello di condensazione.
scie di origine aerodinamica: le meno persistenti, sono dovute all'espansione dell'aria, provocata dal veloce moto di un aereo, quando vola in atmosfera molto umida.
La temperatura dell'aria pi favorevole compresa tra 0 C e 10 C.
I sostenitori della teoria fanno sovente leva su quanto riportato dalla NASA: le scie di condensazione si formano solitamente ad alta quota (generalmente al di sopra degli 8000 metri), dove l'aria estremamente fredda (generalmente al di sotto di -40 C). Altri [tipi di] nuvole si possono formare ad altitudini molto varie, dalla prossimit del suolo, come la nebbia, a quote estremamente elevate, quali quelle dei cirri. Tuttavia si tratta di una descrizione divulgativa che vuole dare una sintesi relativa del fenomeno
Gi negli anni cinquanta H. Appleman  mostrò come la formazione di scie di condensazione dipendesse da diversi fattori e che esse potevano formarsi anche a umidit relative molto basse , umidit relativa che incide anche sulla persistenza di tali scie
Analisi scientifiche sull'esistenza delle scie chimiche
Le scie di condensazione hanno una persistenza anche di ore; tuttavia, i sostenitori della teoria affermano che le scie di chimiche si differenzierebbero dalle scie di condensazione perch sarebbero pi persistenti, e arriverebbero a formare griglie, incroci o a porsi in parallelo tra loro o ancora a non avere continuit (ad esempio una scia che si interrompe in un dato punto e che riprende in punto pi avanzato); le scie sarebbero rilasciate da aeroplani militari o privi di segni distintivi ad altitudini basse e inusuali.
Agenzie governative, scettici, tra cui il Committee for the Scientific Investigation of Claims of the Paranormal statunitense ma anche scienziati, esperti meteo  piloti  spiegano che le scie di condensazione mostrano una gran variet di aspetti e persistenza e che le descrizioni e le fotografie delle supposte chemtrail sono in realt in linea con quelle delle normali scie di condensazione e spesso corrispondono anche a rotte aeree note. Le scie di condensazione hanno infatti un diverso comportamento a seconda della temperatura, del wind shear orizzontale e verticale, dell'umidit presente in quota
Nessun sostenitore della teoria ha ancora fornito delle analisi delle scie prese direttamente in aria; al contrario, fin dagli anni venti vengono effettuati studi sulle scie di condensazione. Quindi, la loro esistenza e spiegazione sono ampiamente comprovate.
Numerose altre obiezioni vengono mosse a livello concettuale alla teoria:
sarebbe necessaria una massiccia operazione di copertura con migliaia di persone coinvolte in una moltitudine di mansioni; una operazione su scala cos vasta organizzabile con molta difficolt.
Gli aerei sono sottoposti a ispezioni che farebbero scoprire gli apparati per il rilascio delle scie. Ci sono state costanti e numerose smentite governative in merito sebbene queste sarebbero state prevedibili anche nel caso di una vera cospirazione.
Il rilascio di sostanze alle quote superiori ai 10.000 metri usate dagli aerei ha un comportamento non prevedibile, a causa della dispersione generata dai forti venti in alta quota. Inoltre, molte sostanze organiche e anche alcune sostanze chimiche verrebbero distrutte dalla temperatura dei gas combusti dell'aereo prima di distaccarsi dalle linee di flusso aerodinamico. I sostenitori della teoria affermano, tramite misure telemetriche amatoriali, che la quota di volo di queste operazioni molto al di sotto del limite minimo di formazione di contrail; le misurazioni non sono state eseguite da enti di certificazione.
Secondo la termodinamica e l'aerodinamica, i diversi comportamenti delle scie di condensazione sono dovuti alle diverse condizioni meteorologiche (temperatura, pressione, umidit relativa e venti) riscontrabili a quote differenti, nonch al diverso tipo di motori usati dagli aerei:
in una zona pi fredda i gas condensano rapidamente e formano scie compatte, in una meno fredda (o con gas pi caldi) il tempo di condensa maggiore e le scie sono pi larghe; anche le scie compatte, a causa del moto browniano, tendono ad espandersi al passare del tempo, anche in assenza di vento (e in quota sono sempre presenti venti e correnti).
A seconda dei venti in quota (le condizioni in quota non rispecchiano quelle al livello del suolo), le scie possono allargarsi pi velocemente o formare curve e ramificazioni (venti di direzione incostante).
Dato che l'atmosfera un fluido non omogeneo, si possono avere zone in cui sono presenti le condizioni alla formazione di scie di condensazione adiacenti a zone in cui tali condizioni non sono presenti, con conseguente formazione di scie a tratti.
I reattori turbofan a doppio flusso creano scie di condensazione anche in condizioni in cui i vecchi turbofan a singolo flusso non le formano. I sostenitori della teoria affermano che tale differenza di comportamento sia dovuta alla differenza di composizione delle supposte scie chimiche rispetto alle normale contrail, ma senza produrre evidenza fisica a conferma di tale affermazione.
Fenomeni simili
Scia di fumo durante una esibizione delle Frecce Tricolori a Roma il 2 giugno 2006
Le presunte scie chimiche non andrebbero confuse con altre forme normali di scarico di sostanze da aerei, come l'uso di diserbanti sui campi, la lotta agli incendi o la stimolazione di precipitazioni, sebbene il principio sia lo stesso.
Gli aerei militari o civili a volte scaricano carburante durante il volo, principalmente in caso di emergenze e quasi sempre in mare o in aree disabitate con un'operazione detta fuel dumping.
I convogli militari in questo caso spesso sganciano anche il carico bellico, opportunamente disarmato e messo in sicura. Lo scarico effettuato tramite ugelli posti sulle ali e ha il fine di alleggerire l'aereo per permettere un atterraggio in condizioni di sicurezza. Le evidenze di un fuel dumping, che pu essere eseguito anche a bassa quota, possono essere simili a quelle di una scia di condensazione, ma la scia non origina dai motori dell'aereo.

Missione di disboscamento durante l'operazione Ranch Hand in Vietnam
Durante la guerra del Vietnam venne usato un defoliante con erogazioni a bassa quota, l'"Agente Arancio", per spogliare gli alberi delle zone di combattimento.
Durante spettacoli aerei spesso viene prodotto del fumo colorato tramite appositi pod posizionati sotto un'ala o in coda, o con una cartuccia colorata nel tubo di scarico dell'aereo.
In questo caso il principio utilizzato molto semplice e diverso da quelli solitamente associati alla teoria delle scie chimiche; si tratta di sostanze che a contatto coi fumi molto caldi del motore bruciano lentamente emettendo fumi che si mischiano ai gas stessi.
Gli aerei commerciali, anche se raramente, scaricano in volo i reflui della toilette.
Questa pratica, oggi abbandonata e usata solo in casi di emergenza su vecchi aeromobili, pu causare delle corte scie di cristalli di liquami congelati e luccicanti, o dei blocchi di materiale solido e ghiacciato.
Sono documentati casi di danneggiamenti causati da questi eventi, noti come "blue ice".
Fertilizzanti e pesticidi sono a volte spruzzati sui campi con aerei, ma con voli a bassa quota. In alta quota l'effetto sarebbe nullo, data la presenza di venti tesi e imprevedibili.

Cessna 210 utilizzato per nebulizzare ioduro d'argento;
La pratica del cloud seeding con ioduro d'argento usata in caso di siccità , specie negli Stati Uniti, per stimolare la pioggia.
 Lo ioduro condensa l'umidità e a contatto con il vapore delle nubi causa delle piogge, dove la componente chimica tanto ridotta da essere innocua; tale metodo non genera la pioggia, visto che non crea le nuvole, bensì si limita a favorirla e, quindi non si tratta di un metodo di controllo climatico