ABCDEFGH ILMNOPRSTUZ

riflessologia

La riflessologia è il nome attribuito ad una Scuola psicologica nata in Russia, che ha una strettissima relazione con la fisiologia. Essenzialmente la riflessologia afferma che i processi psichici sono riducibili a riflessi, cioè a processi puramente fisiologici ed elementari.
  • Storia
La riflessologia nacque e si sviluppò in Russia dal lavoro di Sečenov, Bechterev e soprattutto Pavlov, e quindi dalla scuola pavloviana. La sua prima formulazione fu dovuta a Ivan M. Sečenov (1829-1905) che suppose che per spiegare i processi più complessi intervenisse l'attività di centri nervosi superiori localizzati nel cervello.
Gli studi di fisiologia dell'epoca si concentravano sull'arco riflesso per spiegare i processi semplici. Sia nei processi complessi che semplici il meccanismo di base era sempre lo stesso: stimolo - centro nervoso - reazione. Sečenov distinse un "riflesso spinale" per i meccanismi semplici e un "riflesso cerebrale" per quelli complessi. La psicologia ha il ruolo di studiare l'analisi dei contenuti dell'attività psichica. I contenuti vengono acquisiti durante lo sviluppo ontogenetico e quindi sono legati all'ambiente in cui l'individuo cresce. Ma il meccanismo di interazione con l'ambiente è basato sui riflessi, oggetto di ricerca della fisiologia.
La corrente riflessologica vera e propria parte con Bechterev (1857-1927), il cui intento era di fondare una psicologia oggettiva e sperimentale, priva di riferimenti spiritualistici e introspettivi. L'oggetto di indagine erano i riflessi. La sua concezione riflessologica è generale e unitaria di tutti i fenomeni fisiologici, psicologici e sociali. Nello studio dei rilessi (da lui denominati associativi) aveva privilegiato quelli motori a differenza di Pavlov (attività riflessa vegetativa).
La concezione sistematica più importante delle basi fisiologiche del comportamento fu elaborata da Ivan Pavlov (1849-1936).
La successiva teoria pavloviana si estese ai comportamenti umani, in particolare allo studio dei riflessi condizionati verbali. Già Pavlov aveva distinto due sistemi di segnalazione: gli stimoli classici (comuni a uomini e animali) e quelli verbali (solo per gli uomini) usati per segnalare le variazioni dell'ambiente e regolare il comportamento. Un altro tema della scuola pavloviana fu il condizionamento interocettivo, basato sull'azione degli stimoli sulle mucose degli organi interni. Kostantin M. Bykov (1886-1959) espose sistematicamente questo concetto.
Attualmente la riflessologia si riferisce prevalentemente ad una pratica di medicina alternativa i cui seguaci sostengono possa curare particolari stati d'animo (stress, ansia, ecc.) attraverso il massaggio dei piedi. La motivazione a sostegno consiste nel fatto che la pianta del piede contenga molti punti sensibili, ognuno dei quali sia riconducibile ad una determinata parte delcorpo: il massaggio di tali punti, ovviamente praticato da persone qualificate, permetterebbe quindi la graduale eliminazione di questi cattivi stati d'animo. In una tipica seduta, il paziente viene fatto distendere su un lettino, durante una seduta di questi massaggi, che dura circa un'ora e mezza, il tutto è accompagnato da una musica strumentale di sottofondo, per permettere il completo rilassamento del paziente.
il massaggio può essere praticato utilizzando anche particolari oggetti: a causa di ciò, nel corso della seduta il paziente potrebbe avvertire prurito o sensazioni di calore in qualche parte del corpo: sul volto o comunque in qualche parte della testa, oppure sulle braccia o sulle gambe.