L'Angelo


l'Angelo apocalittico non risuscita gli uomini nel corpo ma nello Spirito , il passato non merita di rivivere se non nella sua spiritualità'.
Allora l'umanità conoscerà' il regno dello Spirito Santo (vedi profezie di Gioacchino Fiore) che realizzerà' la sua unione religiosa,fondata sull'esoterismo comune a tutte le religioni, troppo legate a valori esteriori per loro interessi terrestri.
La triade umana (Padre,Madre) stanno di fronte al Figlio che e' il Maestro dei Tarocchi (Bagatto, Innamorato, Trionfatore, Appeso) il soggetto della Grande Opera.
Finche' viviamo esternamente,siamo come dei morti isolati nella propria tomba corporea, ridestandoci aspiriamo il soffio dello Spirito Universale.
Comprensione delle cose, esoterismo, risveglio alla vita spirituale. Divinazione,chiaroveggenza, Maestro, guarigione fisico/psichica Passiva: esaltazione, snervamento, mancanza di ponderazione. Corpo umano: nervi, circolazione, operazioni chirurgiche.
L'Angelo raffigurato sulla carta dei tarocchi non è un angelo qualsiasi, è l'angelo del giudizio.
Questa carta simboleggia il giudizio finale prima di un radicale cambiamento e al tempo stesso uno sbarramento all'accesso al regno dei cieli. Si prepara una situazione di cambiamento, di resa dei conti di situazioni che allo stato attuale non possono perdurare.
Spesso questa carta indica una prova, un momento in cui i nodi verranno al pettine, e perlopiù si risolveranno positivamente.